MONTE PIETRALATA - Sentiero 446 - QUANDO LA NATURA DIPINGE

E’ ufficialmente iniziata la stagione delle passeggiate e dei trekking , con queste belle giornate di sole oggi vi porto nell’entroterra pesarese,  vicino ad Acqualagna, capitale del tartufo,  siamo a pochi passi dal suggestivo scenario della Gola del Furlo.
Il nostro sentiero non è stato pianificato prima, ne consultato su cartine e mappe,  ma ci è stato suggerito da una signora del posto che abbiamo conosciuto la mattina stessa nel centro storico di Acqualagna mentre facevamo colazione.
Il sentiero che intraprenderemo ci porterà in vetta e per arrivarci ci sono diversi punti di partenza:  dal paese di Sperlonga Bassa, oppure arrivando in auto fino al Santuario della Pelinga, o come noi, che avevamo poco tempo a disposizione, dal Chiosco delle Aquile di Pietralata, ma attenzione non c’è un parcheggio ben definito!!


Siamo a 545 metri d’altezza, il nostro sentiero parte da quello rimane del borgo di Pietralata e da una mappa dove ci indica che il sentiero da seguire è il 446, e per arrivare dobbiamo prendere lo sterrato  sulla nostra destra e proseguire per circa 1 ora e 40 minuti.


Costeggiamo la montagna rocciosa e sbirciando tra i rami possiamo già intravedere lo scorcio della vallata sottostante.
Manteniamo la destra quando il sentiero sembra dividersi, superiamo la sbarra e prendiamo per buona l’indicazione dell’unico cartello GOLA DEL FURLO.



A dire la verità siamo perplessi e indecisi, forse dovevamo proseguire nell’altro sentiero, ma comunque siamo aperti a qualsiasi cambio programma.
Sentiamo un rumore di foglie, forse una lucertola, forse no, eccolo che velocissimo ci attraversa uno scoiattolo impaurito che si arrampica e si rifugia in uno dei tanti alberi del bosco.
Curiosi di trovare indicazioni arriviamo per l’appunto ad un altro bivio, a questo punto lasciamo la strada principale che prosegue poi per il paese di Sperlonga Bassa e ci addentriamo in un piccolo e stretto sentiero di sassi, mancano ancora 0.40 minuti.




Entriamo dentro al bosco e da qui il sentiero inizia a salire in maniera costante, tra una fitta lecceta  e un intenso profumo di sottobosco continuiamo il nostro trekking.


Ci riposiamo qualche secondo in un grosso spiazzo al sole, proprio davanti alla segnaletica del sentiero , le frecce ci indicano che si può proseguire per il Monte Pietralata con il sentiero 446 oppure per il Rifugio Furlo.

Seguiamo il 446 verso sinistra e iniziamo a salire bruscamente, la vegetazione si fa sempre più bassa e dopo diverse curve e ripide, il sentiero si restringe fino ad arrivare nella vasta distesa del Monte di Pietralata. 


Finalmente arrivati!


Qui il panorama è fantastico, vediamo tutto le vette intorno a noi dalla dorsale appenninica con le vette del Cucco, del Catria, del Petrano e del Nerone, per poi spostarci a nord-ovest con i sassi Simone e Simoncello, il Carpegna e Montecopiolo, fino alla prorompente rocca di San Marino.

Oltre al panorama che ci affascina, a lasciarsi senza parole è la presenza di 1 no 2,  no 3,  di una mandria di cavalli selvatici, saranno almeno una trentina.




Io sinceramente non ho mai visto cavalli senza padrone, senza un recinto, liberi e non sorvegliati,  quindi la curiosità mi ha portato a documentarmi e tra gli articoli sul web sono riuscita a scoprire che sono ex-cavalli da lavoro, cavalli da traino in pensione diciamo. Si dice che il proprietario li abbia abbandonati sui monti marchigiani, e che in corso ci sia un contenzioso tra la comunità montana e l’ex allevatore. Mi allontano da questo discorso che sembra essere complicato e delicato, chiedendomi come dei cavalli si possano difendere dall’inverno e dai lupi che frequentano le montagne.



Silenzio

Pace

Tranquillità

Spazio indefinito

La sensazione che il tempo si sia fermato.


Ci sentivamo di troppo, come degli spettatori invadenti, come degli intrusi dentro un quadro..
Di solito nei dipinti di un tempo i cavalli selvatici venivano rappresentati in galoppo, coinvolti nelle battaglie, imbizzarriti, ripresi in movimento per esaltare la bravura del pittore e per ritrarre la bellezza e l’istinto ingovernabile dell’animale.



La natura invece ha voluto regalarci attimi di pace.

La natura quando dipinge lascia tutti senza fiato e senza critiche.




La natura oggi per noi ha dipinto un quadro senza precedenti, i protagonisti sono i cavalli selvatici, tranquilli e docili in perfetta armonia con l’ambiente intorno, i colori della tavolozza intensi e che cambiano in base alla luce del sole che va e viene dietro le nuvole.



Bastano pochi secondi e i colori del quadro si trasformano e si mescolano, le nuvole diventano sempre più scure minacciando un acquazzone, il verde invece si accende sempre di più con gli ultimi raggi di sole, dovrebbe piovere a momenti..ma noi proseguiamo ancora dritti, non siamo sazi di questa di questo spettacolo che fa bene all’anima.
Un piede dietro l’altro senza far rumore, con la mia reflex sono riuscita a fare degli scatti qua e là, ci spingiamo più avanti e rimaniamo ancora di più stupiti dalla vista che ci si apre di fronte.


Tutta la costa davanti a noi,  le colline e l’azzurro del mare e la sagoma del Monte Conero in lontananza: il Paradiso.

Dopo un fugace pic-nic ripartiamo verso la macchina, siamo soddisfatti di questa escursione decisa all’ultimo minuto e di non aver preso nemmeno la pioggia!

Nessun commento: