Alla scoperta di OFFAGNA



Non bastava essere tra i Borghi più belli d'Italia, Offagna si è superata, quest'anno ha ricevuto, da parte del Touring Club, l'assegnazione della Bandiera Arancione.
Offagna è arancione per il suo patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio e per l’offerta turistica d’eccellenza.
Grazie a questo evento "Le Marche arancioni in piazza" ho visitato il borgo con il suo programma ricco di eventi con stand, gastronomia, musica e spettacoli.
Ecco il mio pomeriggio a spasso per una Offagna come non l'avevo mai vista!
Ore 17.00 si parte alla scoperta del borgo con Claudia, una dei cinque ragazzi che fanno parte dell'associazione Terra dei Castelli.
Partiamo dall' Ufficio Informazioni con dei cenni storici, per poi passare alla Chiesa S. Lucia del XVII secolo, una chiesetta molto intima dove si può ammirare un crocifisso ligneo dell'epoca.

Risaliamo Via dell'Arengo, addobbata con fiocchi arancioni, nastri, persino le vetrine dei negozi sono colorate!
 Arriviamo alla Chiesa principale del paese dedicato a S. Tommaso Apostolo, risalente al 1300 e poi in parte ricostruita!
In questa chiesa viene celebrata la Santa Messa della domenica.
Proseguiamo la nostra passeggiata, passando per il Museo della Liberazione di Ancona, dove si conservano documenti, immagini relative alle battaglie del Secondo conflitto mondiale, dall'arrivo delle truppe alleate nella città dorica alla sua liberazione dalle truppe tedesche.
Difronte a noi la Chiesa del S.S. Sacramento opera di Andrea Vici, l'allievo dell'illustre Vanvitelli.
La struttura molto ampia è attualmente utilizzata come centro convegni, può ospitare fino a 200 persone.
L'architetto Vici fu, anzi è il protagonista dell'architettura ad Offagna, come in tanti paesi limitrofi, un altro suo lavoro è il Monastero di Santa Zita o Monastero di S. Maria della Visitazione.
Salendo le scalette alla nostra sinistra troviamo il Museo Provinciale di Scienze Naturali "Luigi Paolucci",  dove si trovano reperti importanti dell'età paleontologica, mineralogica, zoologica e botanica.
Ed ecco davanti a noi la Rocca medievale, eretta in soli due anni (1454 -1456) su i ruderi di un preesistente castello, è qui che salutiamo la nostra guida per entrare all'interno della fortezza.
All'interno della Rocca, invece, sarà un signore del posto, ad accompagnarci per tutti i quattro piani, raccontandoci tutta la storia di Offagna, con la sua famosa battaglia del porco, con a capo il giovane Boccolino.
Perché venne chiamata battaglia del porco?
Ebbene sì, è proprio un maiale che oltrepassando i confini ha fatto scatenare questa guerra! Curioso vero?
La storia ci affascina a tal punto da perdere la cognizione del tempo, passiamo per la mostra di armi antiche, la mostra dei "Cacciatori e guerrieri dalla pietra all'acciaio", e percorriamo il camminamento di ronda fino ad arrivare alla terrazza, all'ultimo piano.
Nella terrazza è posta la grande campana in bronzo, il mezzo di comunicazione dell'epoca!

La vista si perde tra le montagne ad ovest, il mare ad est, e le città collinari limitrofe.



Ora è tempo di festeggiamenti, il Sindaco innalza la bandiera arancione nel balcone del Municipio e si dà il via all'esibizione Gruppo Arcieri Storici  di Offagna, con i sbandieratori, e il Gruppo Tamburi di Offagna.
 
Offagna è stata un bella scoperta, così  vicino a casa e per questo sottovalutata, si perché a volte si apprezzano più le cose che ci stanno lontano, invece sarebbe meglio conoscere prima da dove veniamo!


Offagna è così caratteristica, l’atmosfera medievale regna in questo borgo, penso che ci ritornerò per le famose feste medioevali, un evento a cui  ancora non ho avuto modo di partecipare!

Allora diamoci appuntamento dal 19 al 27 luglio per la 26esima edizione delle feste Medioevali e per esplorare questo borgo incantato!







DOVE VI CONSIGLIO DI MANGIARE 
PIZZERIA SOTTO LA ROCCA: Per gli amanti della buona pizza, sottile e croccante consiglio questa pizzeria, qui si mangia solo pizza!
Il locale è molto piccolo, quindi dispone di pochi coperti, mi sento di consigliarvi di prenotare con largo anticipo.
AGRITURISMO GALLO BIANCO: Un po’ fuori dal centro di Offagna, l’Agriturismo dispone di camere, un maneggio e un ottima cucina casareccia fatta di verdure e carne grigliata.
Consiglio di assaggiare i salumi di Offagna,  e di gustarvi un bel piatto di tagliatelle con il sugo di papera! Squisite!
A presto viaggiatori!

1 commento:

Eriberto Beltrani ha detto...

Brava Silvia,
anch'io, anche se in ritardo, ho capito che bisogna conoscere le proprie origini; poi, magari visiti i paesi esteri.
Ancora complimenti!